sabato 4 febbraio 2012

Recensione: STOLEN. Figlia della luna

La mia recensione su "Stolen. Figlia della luna" di Kelley Armstrong.

Titolo: Stolen. Figlia della luna
Serie: Women of the Otherworld, vol. 2
Autrice: Kelley Armstrong
Traduzione: Marco Astolfi
Casa editrice: Fazi (collana Lain)
Pagine: 435
Data di pubblicazione: 13 Gennaio 2012
Prezzo: 16,00

Sinossi: Stonehaven, Stato di New York. Sotto la superficie della realtà ordinaria si annida un misterioso universo magico popolato da creature soprannaturali: licantropi, streghe, vampiri. Questo è l’universo di Kelley Armstrong e delle sue irriducibili protagoniste della serie Donne dell’altro mondo.Ed è qui che vive Elena Michaels, l’unica donna licantropo esistente. Elena è tornata da Clay, il suo compagno mannaro al cui amore si era finalmente arresa in Bitten. Ora il suo compito è monitorare il web per assicurarsi che i “bastardi”, licantropi che non appartengono al Branco, non attirino troppo l’attenzione su di sé rivelando al mondo l’esistenza della razza mannara. Tutto sembra filare liscio, finché, sul sito believe.com, Elena non s’imbatte in un post solo all’apparenza bizzarro: «Licantropi. Vendonsi preziose informazioni». Dietro la pubblicazione ci sono due potenti streghe, Paige e Ruth Winterbourne, che tentano di avvertirla: Ty Winsloe, un magnate della rete, sta infatti mettendo insieme una collezione privata di specie dotate di poteri paranormali (sciamani, vampiri, streghe e lupi mannari). Le cattura e le tiene segregate in un bunker sotterraneo per tentare di distillarne le qualità magiche e venderle, poi, al miglior offerente. Anche Elena cadrà nella rete, ma la sua eccezionale tempra le darà la forza di liberarsi e accettare, finalmente, la sua natura di licantropo.
La mia opinione: Succede spesso, anzi, quasi sempre, che i sequel delle serie deludano le aspettative rispetto al primo libro. Su "Stolen" (attesissimo secondo libro della serie "Women of the Otherworld" per il quale qui in Italia abbiamo dovuto aspettare ben un anno e mezzo) le mie aspettative erano veramente alte, dato che avevo adorato "Bitten", e il timore che il sequel non sarebbe stato all'altezza c'era. Sono invece contentissima di affermare che "Stolen", non si è rivelato una delusione, tutt'altro!
La trama di "Stolen" è sorprendentemente originale, quasi un cambio totale di registro. L'autrice è stata bravissima e reinventare tutta la storia, mantenendo gli stessi personaggi a cui eravamo ormai affezionati, ma inserendo delle importantissime novità che danno l'impressione di leggere un romanzo diverso, una ventata di aria fresca. Sarebbe stato infatti banale e un po' noioso se la storia fosse stata in linea con la precedente e avesse visto i protagonisti nuovamente alle prese da dispute varie tra licantropi. Invece no, in "Stolen" il pericolo non arriverà più dai nemici del branco, ma da esseri umani comuni. La protagonista Elena credeva che il segreto del suo branco fosse al sicuro e che nessuno sospettasse della loro esistenza. Sarà un duro colpo quando scoprirà che le cose non stanno esattamente così, ma che alcuni umani esaltati hanno costruito una prigione sotterranea per catturare e studiare gli esseri paranormali. Già, perché i licantropi non sono le uniche creature paranormali esistenti, ma ne esistono parecchie. E in questo romanzo impareremo a conoscere streghe, stregoni, vampiri e semidemoni, in una carambola tale che il lettore non avrà davvero modo di annoiarsi. Non starò qui a farvi un riassunto della storia, quella è meglio che la scopriate da soli, preferisco esporvi le mie impressioni generali.
Come al solito trama risulta convincente, molto ben articolata e ben descritta. Tutto appare molto chiaro nella lettura, l'autrice scrive talmente bene che l'idea è quella di guardare un film, ma con il vantaggio di riuscirsi ad immedesimare maggiormente. Nonostante l'ambientazione del romanzo sia per tre quarti all'interno di un complesso carcerario di massima sicurezza, e quindi un ambiente molto chiuso e limitato, di avvenimenti ne accadono moltissimi e le pagine scorrono via l'una dietro l'altra senza il minimo sforzo. Non rimpiangerete ambienti sconfinati in giro per il mondo, in questo romanzo non se ne sente la mancanza! I nuovi personaggi che vengono introdotti sono tutti capaci di destare interesse, sia in positivo che in negativo. Le scene di azione sono moltissime, alcune anche un po' splatter, ma non manca anche qualche pizzico di romance, fortunatamente inserito in modo ben calibrato, da non risultare eccessivo e da non prevaricare sulla trama. Ecco, io sono una che odia quando la storia si compone per la metà di scene di sesso, e per la seconda volta sono felice di appurare che in questa saga non accade così. I punti focali del romanzo sono ben altri! Per me si è rivelata una lettura piacevolissima, scorrevole, avvincente, adrenalinica, intessuta da interessanti rivelazioni e colpi di scena. Per ora è la saga urban fantasy migliore che mi sia capitato di leggere. Spero che verranno pubblicati presto i seguiti, non vedo l'ora!

E ora, per dare una migliore panoramica, passiamo a esaminare bene le varie parti che compongono il libro:

Cover: Molto bella. Un po' criptica, ma dopo la lettura si capisce che riprende abbastanza il contesto generale della storia. Ma in particolare adoro la scelta del font nel titolo.
Per curiosità (perché io adoro le cover!) ve ne mostro altre 6 che sono state scelte in altri paesi per rappresentare il libro. In realtà ne esistono più di sei, ma queste sono le più famose:
Anche se la scelta è vasta, io questa volta devo dire di preferire la prima, perché trovo fantastica l'idea della luna che compare dietro le sbarre, oltre a essere un'idea orginale è pure il linea con la storia. La cover italiana è invece ripresa dell'idea dell'ultima cover straniera. Che comunque non è affatto male. Se devo fare una classifica al primo posto metto la prima cover e al secondo la cover italiana!!!!

Stile di scrittura: Lo stile di scrittura mi è piaciuto molto, maturo, scorrevole e descrittivo al punto giusto. Inoltre l'autrice è molto brava a creare momenti di suspence e a fare immedesimare il lettore negli avvenimenti con una scrittura incisiva ed avvincente. Abituata a scritture a volte troppo colloquiali e infantili e a volte invece troppo fredde e distaccate, ho trovato in Kelley Armstrong una narratrice finalmente capace di scrivere e di farti vivere delle forti emozioni!

Idee alla base della storia: "Stolen" ha uno schema narrativo davvero originale, addirittura migliore di quello del primo libro. Ne sono rimasta particolarmente soddisfatta ed affascinata. E poi per fortuna anche lo sviluppo della storia mi ha convinta in pieno.

Caratterizzazione dei personaggi: Le caratterizzazioni sono ottime. Ogni personaggio ha una personalità forte e multisfaccettata. Elena è sicuramente il personaggio meglio caratterizzato, anche perché, essendo la narrazione in prima persona, si può proprio entrare nella sua mente. Però anche gli altri sono caratterizzati molto bene e il mio personaggio preferito continua ad essere Clay.

Editing e traduzione a cura della casa editrice: Traduzione ottima, ma ci sono un po' di refusi. Non tantissimi, ma sicuramente il libro necessitava di una ulteriore revisione, perché risultano maggiori rispetto al libro precedente.

voto:

Acquisto consigliato? Assolutamente sì! Come storia è ottima, è scritta bene, è avvincente dall'inizio alla fine. Non ha fastidiosi cliffhanger nel finale, tanto da poterla leggere anche se non si è sicuri di voler continuare con la serie. Fin'ora il migliore urban fantasy che mi sia capitato di leggere e il cui sequel non delude rispetto al primo libro. 10 e lode.

4 commenti:

  1. Devo proprio leggerlo allora!! O.O
    Lo stavo aspettando da un sacco di tempo e le mie paure sono le stesse che avevi tu prima di iniziarlo!
    Ma ora che ho letto la tua recensione sono un pò più tranquilla!
    Ciao!

    RispondiElimina
  2. deve essere un libro stupendo!!!!

    RispondiElimina
  3. bella recensione..per il resto il libro non è il mio genere

    RispondiElimina
  4. Io li ho letti tutti e due di seguito dopo averli visti quasi per sbaglio in libreria, li ho adorati!

    RispondiElimina