venerdì 9 novembre 2012

Recensione: ABBIAMO SEMPRE VISSUTO NEL CASTELLO

Ecco la mia recensione al libro "Abbiamo sempre vissuto nel castello" di Shirley Jackson.


Titolo: Abbiamo sempre vissuto nel castello
Autrice: Shirley Jackson
Traduzione: Monica Pareschi
Editore: Adelphi
Data di pubblicazione: 1 Aprile 2009
Pagine: 182
Prezzo: 18,00

Sinossi: "A Shirley Jackson, che non ha mai avuto bisogno di alzare la voce"; con questa dedica si apre "L'incendiaria" di Stephen King. È infatti con toni sommessi e deliziosamente sardonici che la diciottenne Mary Katherine ci racconta della grande casa avita dove vive reclusa, in uno stato di idilliaca felicità, con la bellissima sorella Constance e uno zio invalido. Non ci sarebbe nulla di strano nella loro passione per i minuti riti quotidiani, la buona cucina e il giardinaggio, se non fosse che tutti gli altri membri della famiglia Blackwood sono morti avvelenati sei anni prima, seduti a tavola, proprio lì in sala da pranzo. E quando in tanta armonia irrompe l'Estraneo (nella persona del cugino Charles), si snoda sotto i nostri occhi, con piccoli tocchi stregoneschi, una storia sottilmente perturbante che ha le ingannevoli caratteristiche formali di una commedia. Ma il malessere che ci invade via via, disorientandoci, ricorda molto da vicino i "brividi silenziosi e cumulativi" che - per usare le parole di un'ammiratrice, Dorothy Parker abbiamo provato leggendo "La lotteria". Perché anche in queste pagine Shirley Jackson si dimostra somma maestra del Male - un Male tanto più allarmante in quanto non circoscritto ai 'cattivi', ma come sotteso alla vita stessa, e riscattato solo da piccoli miracoli di follia.


La mia opinione: Questo è sicuramente uno dei libri più agghiaccianti e psicotici che mi sia mai capitato di leggere. Riesce ad inquietare senza avere al suo interno niente di davvero spaventoso. Scordatevi gli horror paranormali, i thriller grondanti di sangue, perché il contenuto di questo romanzo è di fatto tranquillissimo paragonato ai romanzi di terrore dove è l'elemento violenza a disturbare e creare sgomento. Dice bene Stephen King nella sua dedica all'autrice: Shirley Jackson non ha bisogno di alzare la voce.
Le due sorelle protagoniste del libro vivono nella loro sontuosa villa di famiglia assieme allo zio e al loro gatto e sono felici, hanno una routine già rodata e prestabilita per ogni giornata. Hanno pochissimi contatti con il mondo esterno e come tutte le persone un po' schive non sono amate dagli altri, non sono ben volute in paese, ma a loro non importa. Nella loro mente tutto funziona a meraviglia, si vogliono bene, amano la loro proprietà immobiliare tramandata di generazione in generazione e non desiderano nient'altro che tutto continui così all'infinito. Pagina dopo pagina impariamo tutto di loro, delle loro ansie, delle loro fantasie. Come ho già detto la trama è all'apparenza tranquilla, molto semplice, ma l'autrice riesce a stupire con grande maestria. Non vi dirò come prosegue il romanzo, ma lascia sconcertati. Sono i piccoli orrori quotidiani che si accumulano, la tensione narrativa che aumenta, il clima di decadenza morbosa, la follia dei personaggi a rendere questo romanzo davvero indimenticabile, unico nel suo genere!
Un romanzo adatto ai palati delicati, capaci di gustarsi i piccoli particolari, che si lasciano coinvolgere mentalmente in questa folle danza di normalità anormale e non hanno bisogno di forti rumori per trasalire.



E ora, per dare una migliore panoramica, passiamo a esaminare bene le varie parti che compongono il libro:


Cover: La cover Adelphi, così semplice e poco appariscente, ha per me qualcosa di veramente azzeccato. Ammetto che spesso preferisco le cover d'effetto, quelle più elaborate, ma nel caso di questo romanzo invece la cover scelta per l'edizione italiana è assolutamente PERFETTA. Semplice e normale proprio come l'apparenza di questa storia.
Queste sono alcune delle cover straniere:




Sono tutte belle esteticamente, ma troppo "orrorifiche", troppo "chiassose" ed appariscenti per rappresentare l'essenza della storia! Per questa volta sono davvero contenta di possedere l'edizione italiana!!!

Stile di scrittura: Lo stile di scrittura è fondamentalmente molto semplice e scorrevole (non aspettatevi qualcosa di ricercato dal sapore marcatamente retrò) ma contemporaneamente è davvero efficace raccontare la storia, a descriverne i particolari nel miglior modo possibile. 

Idee alla base della storia: Questa storia è assolutamente GENIALE, non ho altro da aggiungere per definirla!
Chi avrebbe mai pensato che una trama così semplice potesse davvero incutere timore? Chi avrebbe mai pensato che un romanzo fondamentalmente breve potesse rendere più di quei romanzi con la R maiuscola da 500 e più pagine? 

Caratterizzazione dei personaggi: Ottima l'introspezione, ottima la descrizione della dolce ed ingenua follia umana, che non porta con sé cattive intenzioni, ma riesce a risultare altrettanto deleteria e letale. Le protagoniste di questo romanzo sono davvero davvero incredibili ed assurde! Provare per credere.

Editing e traduzione a cura della casa editrice: Traduzione ed editing ottimi, solo un errore non grave di battitura in una parola.



voto:



Acquisto consigliato? Consigliatissimo!!! So che il prezzo del libro è un po' altino per i tempi che corrono (18 euro x 182 pagine) però ne vale davvero la pena. E' uno di quegli acquisti che non ci si pente di aver fatto. Un "must" della letteratura horror psicologica. Un libro adatto a chi ama le storie assolutamente folli e incredibili, che riescono ad inquietare senza esplicite descrizioni di orrore e senza fare ricorso alla violenza.

16 commenti:

  1. ohhh cavolo quanto mi hai incuriosito!!! Adesso lo voglio leggere anche io!!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero proprio che ti piacerà come è piaciuto a me, io l'ho trovato geniale *___* aggiunto alla lista dei libri preferiti ;-)

      Elimina
  2. Oh, mi era stato consigliato per i post di Halloween. Grazie per la segnalazione, questo me lo acchiappo subito *w*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow, sono contenta che anche tu lo voglia leggere^^

      Elimina
  3. Anch'io l'ho trovato agghiacciante e stupendo assieme.
    Spoiler
    Ha pungolato fastidiosamente quella parte di me che non sopporta l'invasione di territorio personale ( inteso sia come spazio fisico che come proprietà privata), mio dio che orrore mi fa Charles ( pensa se uno così arrivasse a casa mia !!!!) che orrore i paesani villani , distruttori e poi invasori (se non avessero invaso e continuassero ad invadere la proprietà privata impunemente nemmeno le due sorelle avrebbero bisogno della loro carità ipocrita!) , usufruire così impunemente della proprietà altrui ! Ahhhhhhhhhhhhhhhhhhh !!!
    L'autrice a ben descritto un caso di "follia a due" più contenuta all'inizio quando la possibilità di contatti umani ancora c'era ( lo zio, l'amica della madre , ecc...)contatti sia positivi che negativi ( la maggior parte )poi follia a due totale alla fine ....
    Bello!
    Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, anche io sono molto possessiva su ciò che è mio e ha dato molto fastidio in quel senso :D

      Elimina
  4. È una vita che sento dire solo meraviglie su questo libro, dovrò decidermi e leggerlo! Anche se ammetto di averne un po' paura... sono fifona, non vorrei che poi mi impedisse di dormire la notte xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, no, tranquilla, come ho detto non è che fa paura nel vero senso della parola. Secondo me va benissimo anche a chi non è un lettore di horror, anzi, forse meglio, perché chi si aspetta scene forti verrà deluso. Come ho detto questo romanzo è molto soft, però è geniale. Secondo me la notte puoi dormire senza problemi ;-)

      Elimina
    2. Mi rassicuri, grazie :D A questo punto devo proprio leggerlo!

      Elimina
  5. Bella recensione!!
    Ce l'ho in wishlist, devo darmi una mossa ad acquistarlo! :)

    RispondiElimina
  6. Dopo averlo trovato qui nel tuo blog e nel giro di pochi giorni citato da un'altra mia amica lettrice, che lo stava leggendo in quel momento, non ho potuto fare a meno di procurarmelo e finalmente leggerlo.
    Davvero una esperienza imperdibile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere che ti sia piaciuto :-) io invece mi sono appena procurata "L'incubo di Hill House", e presto sarà mio anche "La lotteria". Purtroppo ci sono solo questi tre, ma devo averli tutti!

      Elimina
    2. Mi sa che me li procuro anche io... semmai in ebook, per alcuni introvabili mi sto arrendendo alla comodità del reperimento file!

      Elimina
    3. Non è introvabile, l'ho trovato usato sul libaccio.it ;-)

      Elimina
  7. Bella recensione, mi hai messo una grande curiosità! Sono sempre alla ricerca di un po' di genialità nei romanzi e questo sembra averne un bel po'. La cover io la trovo un po' troppo anonima, ma magari dopo a lettura la penserò come te ^_^
    Ciao

    RispondiElimina