giovedì 29 marzo 2012

Recensione: TEMPESTUOUS. FUOCO OSCURO

Recensione del libro "Tempestuous. Fuoco Oscuro" di Lesley Livingston, terzo ed ultimo libro della trilogia Wondrous Strange.



Titolo: Tempestuous
Sottotitolo: Fuoco Oscuro
Serie: Wondrous Strange vol. 3
Autrice: Lesley Livingston
Traduzione: Francesca Fabbri
Casa editrice: Fazi (collana Lain)
Pagine: 336
Prezzo: 12,90 euro
Data pubblicazione: 25 Novembre 2011


Sinossi: Dopo Wondrous Strange (2009) e Darklight (2010) si concludono qui le imprese e gli amori di Kelley Winslow, principessa del mondo delle fate e del suo amato Sonny Flannery, che senza saperlo ha il potere di connettere il mondo dei mortali con il regno degli essere fatati. Il loro amore, fattosi strada tra complotti magici e subdole alleanze, sembra concludersi quando Kelley decide che l'unico modo per proteggere Sonny dai suoi poteri è quello di lasciarlo. Ma la separazione non durerà a lungo e poter tornare con lui, Kelley si metterà alla ricerca di chi brama e minaccia quei poteri che Sonny nemmeno sospetta di possedere.

La mia opinione: Questo terzo ed ultimo episodio della trilogia Wondrous Strange è un vero e proprio concentrato di azione, adrenalina e sorprese di ogni tipo. C'è la presenza di tutti i personaggi fin'ora incontrati, con l'aggiunta di alcuni personaggi nuovi, e appare chiaro fin da subito che durante la lettura i colpi di scena saranno tanti, sia in positivo che in negativo, perché le carte in tavola verranno rimescolate più e più volte. Come storia l'ho trovata davvero molto valida e interessante, un bel fantasy young adult ricco di avventura e romanticismo, con l'accortezza di non risultare mai troppo sentimentale, e le premesse per un'ottima lettura ci sono tutte. Ma, come avevo già riscontrato dalla lettura del libro precedente, ho avuto la sensazione che mancasse quel qualcosa che fa scattare la scintilla. Nonostante in "Tempestuous" abbia trovato un miglioramento sostanziale a livello di trama, mi trovo nuovamente a dover rimarcare la presenza dei difetti che mi avevano fatto storcere il naso durante il libro precedente, ovvero: lo stile di scrittura dell'autrice, che sebbene sia scorrevole, non mi ha convinta. Le descrizioni sono vivide, la padronanza del linguaggio ottima (scene di azione a parte), ma non riesce a trasmettere molto a livello emotivo. E' dalla lettura del primo libro che mi ero accorta ad esempio che le caratterizzazioni dei personaggi erano un po' freddine, ma subito non mi è sembrato un difetto invalicabile e ci ho dato poco peso, perché essendo il primo libro ho pensato che tale mancanza fosse voluta (spesso accade così nelle saghe) e venisse colmata nei volumi successivi. Invece i personaggi hanno continuato a essere poco carismatici anche dopo e non sono riuscita a provare nessun sentimento di empatia nei confronti di nessuno di loro, protagonisti inclusi. Inoltre penso che l'autrice non sia affatto portata nel descrivere scene di azione. Il primo libro della trilogia infatti ne era (a parte sul finale) quasi completamente privo, con il risultato di una lettura gradevole e sempre fluida. Il secondo e terzo libro invece hanno tantissima azione (circa un 50% dell'intero libro) e tali scene mi hanno portata varie volte a perdere il filo. Trovo che le descrizioni di battaglie e scontri siano davvero molto confuse, caotiche, difficili da seguire. Infine il libro manca totalmente di ironia, caratteristica che invece era presente nel primo libro e che avevo apprezzato infinitamente, perché l'autrice ne era particolarmente avvezza (al punto che ero riuscita a farmi qualche sana risata, cosa che difficilmente mi accade). Peccato davvero per questo cambio di stile! Secondo me se tutta la trilogia fosse stata improntata seguendo tale direzione sarebbe stata fantastica, unica, indimenticabile!
"Tempestuous" risulta comunque una storia fantasy di buon livello, con alcuni elementi molto originali, un'ambientazione riuscita, colpi di scena ben piazzati, e un finale soddisfacente. Non manca di difetti, sarebbero bastate delle piccole accortezze in più per renderla migliore.

E ora, per dare una migliore panoramica, passiamo a esaminare bene le varie parti che compongono il libro:

Cover: Il repentino cambio in corsa della copertina di questo ultimo volume della trilogia mi ha lasciata alquanto perplessa, nonché assolutamente delusa, come del resto tutti i lettori!
Fino a poche settimane dalla pubblicazione eravamo tutti convinti che la cover sarebbe stata questa: 
Erano già stati messi i loghi della casa editrice e, siccome questa era l'immagine della cover originale, e nei 2 precedenti volumi erano stati mantenuti, ero convinta al 100% che sarebbe stato così anche per questa terza cover. La ragazza nell'immagine rappresenta infatti Kelley, la protagonista, che come nella descrizione nel libro ha i capelli rossi e mossi, e tutte le 3 cover mostravano la stessa ragazza.
Il risultato finale guardando tutte e tre e cover in fila sarebbe dovuto essere questo:
Come vedete questa sequenza di cover aveva il suo stile, lo stesso soggetto, e manteneva in pieno la coerenza. Oltre al fatto che erano cover bellissime, la cosa che più amavo era che stranamente (accade molto di rado) la ragazza in copertina corrispondeva perfettamente alla protagonista della trilogia *__*
Probabilmente la casa editrice Fazi avrà avuto i suoi buoni motivi per cambiarla con una cover che non c'entrava nulla con le altre. Probabilmente questi sono motivi che nessun lettore può capire perché non è dentro alle dinamiche interne delle case editrici. Probabilmente c'entrano motivi economici e di copyright. VOGLIO INFATTI SPERARE che non sia stato un cambio dovuto a motivi di puro sfizio di un grafico annoiato!!!!! Qualsiasi sia la motivazione (sia giusta che sbagliata) ciò non toglie che il risultato sia DISASTROSO e che la trilogia sia, a livello grafico, completamente rovinata. Peccato!

Stile di scrittura: Lo stile di scrittura è fluente e scorrevole. Dopo tre libri letti mi sento però di affermare che l'autrice non è per niente portata a scrivere storie ricche di azione. Durante questi momenti infatti si perde in descrizioni superflue, focalizzandosi su cavilli, saltando a piè alcuni punti salienti, riducendo a poche frasi alcune azioni che per essere capite avrebbero avuto bisogno di maggiore dedizione, lasciando all'immaginazione alcune scene che non è assolutamente possibile immaginare... in pratica: porta il lettore in confusione! Se potessi darle un consiglio (lo so che tanto non posso, ma dico così tanto per dire XD) le direi di scrivere fantasy con storie più di svago, senza troppe battaglie, e utilizzare il suo punto forte: l'ironia! Trovo infatti che nei momenti di svago sappia dare il meglio di sé, ed è anche bravissima a piazzare battute divertenti (peccato che lo abbia fatto solo nel primo libro).

Idee alla base della storia: Lo sviluppo di questo terzo capitolo della trilogia ha una storia molto ben congeniata e interessante, più del secondo libro. A causa dei difetti riscontrati nello stile di scrittura non ho saputo goderne appieno, però a livello strutturale e di originalità ne sono rimasta soddisfatta.

Caratterizzazione dei personaggi: La caratterizzazione dei personaggi non viene mai approfondita. Nel primo libro speravo in un cambiamento nei libri successivi che però non è avvenuto. I personaggi risultano poco tridimensionali, è come se tra loro e il lettore rimanga sempre una barriera invalicabile e quest'ultimo non riesca mai ad entrare in sintonia con loro. In "Tempestuous" si impara a conoscere meglio alcuni di loro, però non mi è bastato.

Editing e traduzione a cura della casa editrice: Mi è sembrato tutto ben curato, esente da refusi.

voto:

Acquisto consigliato? Allora, diciamo che come storia l'ho trovata molto carina e originale, con alcuni difetti, ma c'è comunque di peggio, quindi una sufficienza piena se la merita di sicuro. Il primo libro di questa trilogia per me è stato meraviglioso e lo consiglio di cuore. Gli altri 2 libri però non ne sono stati all'altezza. Se ancora non avete letto questa trilogia vi consiglierei di leggere assolutamente il primo (che comunque potrebbe essere letto anche nell'ottica del romanzo autoconclusivo, dato che non contiene cliffhanger) e poi di continuare la sua lettura solo ed esclusivamente se ne siete molto motivati e se vi sentite soddisfatti di come l'autrice descrive le scene di azione (nel primo libro ce ne sono poche, ma bastano per darvi un'idea di come sarà il suo stile nei libri successivi, che di azione ne avranno molta di più). Se vi piace allora vi consiglio di leggere gli altri 2 libri senza alcuna esitazione!

mercoledì 28 marzo 2012

W... W... W... Wednesdays (53)

w... w... w...wednesdays è stato creato da MizB di ShouldBeReading


Questo è un giochino che funziona rispondendo a 3 semplici domande:
* What are you currently reading? (Cosa stai leggendo?)
* What did you recently finish reading? (Quale libro hai finito di recente?)
* What do you think you’ll read next?(Quale libro sarà la tua prossima lettura?)
Ecco le mie risposte:


*What are you currently reading?


Sto leggendo "Tempestuous" di Lesley Livingston. Sono alle ultime 100 pagine, entro oggi lo finirò. Ma non vi anticipo niente, prossimamente posterò la mia recensione!







*What did you recently finish reading?


Ho finito di leggere "L'eredità di Jenna" di Mary E. Pearson. Mi è piaciuto davvero molto, anche più del precedente della serie. Qui la mia recensione: http://ilregnomagicodeilibri.blogspot.it/2012/03/recensione-leredita-di-jenna.html
*What do you think you’ll read next?

Prossimamente leggerò i seguenti libri: "Ogni goccia di sangue" di Michael Robotham, "Gli ingredienti segreti dell'amore" di Nicolas Barreau, e "Io sono Heathcliff" di Desy Giuffrè.

martedì 27 marzo 2012

Anteprima: MI CHIAMO CHUCK

Il 4 Aprile 2012 uscirà per la casa editrice Giunti Y un libro che sembra essere davvero molto carino e divertente, ricco di humor e dalla trama originale. Si intitola "Mi chiamo Chuck" dell'autore Aaron Karo e solo il sottotitolo è tutto un programma XD

Ecco a voi la scheda del libro:


Titolo: Mi chiamo Chuck
Sottotitolo: Ho diciassette anni. E, stando a Wikipedia, soffro di un disturbo ossessivo-compulsivo
Autore: Aaron Karo
Editore: Giunti Y
Data di pubblicazione: 4 Aprile 2012
Pagine: 288
Prezzo: 12,00
Sinossi: Chuck Taylor ha diciassette anni e mille paranoie. Si lava le mani continuamente, controlla ossessivamente le manopole dei fornelli e il terrore dei germi condiziona le sue relazioni sociali, di fatto quasi inesistenti se si esclude Steve, goffo amico del cuore bersaglio delle angherie dei bulli della scuola. Chuck ha anche una sorella, Beth, che lo ignora al punto da negargli persino l’amicizia su Facebook. La sua giornata è costellata dalla ripetizione di gesti, regole maniacali che lui stesso si è imposto per non perdere del tutto il controllo di sé. E poi ci sono le Converse All Star: ne possiede decine di paia di ogni colore che ha abbinato ai vari stati d’animo. Converse rosse = arrabbiato, gialle = nervoso e così di seguito. I genitori, però, sono sempre più preoccupati e, nonostante le rimostranze di Chuck, decidono di spedirlo dalla strizzacervelli. Ma è l’arrivo di una nuova compagna di classe a cambiare radicalmente la vita di Chuck e ad aggiungere un nuovo colore alla sua collezione di Converse. Impossibile non ridere con questo esilarante racconto in prima persona di Chuck, uno dei più divertenti e struggenti personaggi della narrativa contemporanea.

Tratto dal libro:


La mia definizione di sporco e la vostra definizione di sporco probabilmente sono molto diverse. Voi vi lavate le mani dopo aver mangiato il pollo o dopo aver fatto la cacca. Io devo lavarmele dopo aver toccato un animale, un bambino, una cassetta delle lettere, un pulsante dell’ascensore, i soldi – le monete soprattutto –, le mani degli altri, qualsiasi cibo – sale, pepe e condimenti compresi – e qualsiasi cosa io consideri «della natura» – erba, terra, legno e così via.
Mi lavo le mani un botto di volte.
Spesso è l’unica cosa a cui riesco a pensare.
 




L'AUTORE:

Aaron Karo è un giovane autore di libri di fiction umoristica, bestseller nelle classifiche americane e apprezzati per la vena graffiante e sfacciata. Dal 1997 Karo è anche editorialista di una rubrica seguitissima, che ha avuto così tanto successo da diventare un social network. Questo è il suo primo romanzo per YA.






Se volete sfogliare le prime pagine del libro online ecco il link dello sfoglialibro: http://y.giunti.it/images/stories/sfogliabili/MichiamoChuck/

"Mi chiamo Chuck" nonostante non sia ancora uscito nelle librerie è già prenotabile sul sito della Giunti: http://www.giuntistore.it/customer/product.php?productid=16678&cat=310 e anche la sua versione ebook: http://www.ibs.it/ebook/Karo-Aaron/Mi-chiamo-Chuck/9788809775763.html

Avvistamento in libreria: PATRICIA BRENT, ZITELLA

Buongiorno a tutti/e,
oggi volevo segnalarvi un libro a mio avviso molto interessante uscito per la casa editrice Elliot (collana I RAGGI ROSA) il 23 Marzo 2012. Si tratta di "Patricia Brent, zitella" di Herbert G. Jenkins.
Questo libro fu pubblicato per la prima volta in Inghilterra nel 1918 e poi venne pubblicato anche qui in Italia dalla casa editrice Salani nel 1926, poi successivamente nel 1940, 1952 e 1968.
Negli ultimi decenni però non mi risulta che sia più stato ristampato, un vero peccato per tutta la nuova generazione che, come me, non aveva mai avuto l'occasione di conoscerlo.
E' quindi un'ottima notizia che la Elliot abbia deciso di ripubblicarlo, sono impaziente di leggerlo!


Titolo: Patricia Brent, zitella
Autrice: Herbert G. Jenkins
Traduzione: Federica Alessandri
Casa editrice: Elliot (collana I Raggi Rosa)
Pagine: 192
Prezzo: 15,00 euro
Data pubblicazione: 23 Marzo 2012

Sinossi: Siamo a Londra, durante la Prima guerra mondiale. La giovane Patricia lavora per un personaggio politico dalle scarse capacità e alloggia alla pensione Galvin, presso la quale risiede una variegata comunità che si ritrova ogni sera a cena attorno allo stesso tavolo. Un giorno, per caso, la ragazza ascolta una conversazione tra due ospiti che parlano di lei con accenti pietosi, sottolineando come la ragazza “non abbia nessuno che la inviti fuori”. Sentendosi umiliata, in un momento di rabbia Patricia annuncia di aver ricevuto per l’indomani un invito al ristorante dal suo fidanzato. Nulla di strano, se non fosse che il fidanzato non esiste né si intravede all’orizzonte. Pensando di essersela cavata con una piccola bugia e un pranzetto solitario, il giorno dopo, giunta al ristorante, si rende conto invece di essersi cacciata in un bel pasticcio, quando nota alcuni ospiti della pensione seduti a un tavolo con l’evidente scopo di spiarla. Per paura di essere scoperta, Patricia si avvicina a un giovane ufficiale chiedendogli di aiutarla a tenere il gioco. È così che fa la conoscenza di Lord Peter Bowen, ed è da lì che prende il via una divertente, raffinata e modernissima commedia degli equivoci: il giovane, infatti, non si limita a sostenerla nella messinscena al ristorante ma, con il passare dei giorni, si fa sempre più insistente perché il fidanzamento si concretizzi, tra lo sgomento di Patricia e molti, spassosi malintesi.

Una giovane sola e indipendente, un Lord che vuole sposarsi a ogni costo, un gruppo di zitelle ficcanaso per una divertente, romantica commedia divenuta ormai un classico della narrativa inglese.


L'AUTORE:

Herbert George Jenkins nacque in Inghilterra nel 1876 e fondò l’omonima casa editrice Herbert Jenkins Ltd. Scrisse numerosi romanzi e saggi. Due suoi romanzi (tra cui Patricia Brent, zitella) e molti suoi racconti sono diventati film. Morì all’età di quarantasette anni a Londra.

lunedì 26 marzo 2012

acquisti e regali (62)


"Acquisti e Regali" è una rubrica nella quale presenterò tutti i libri che ho acquistato, presi in prestito, ricevuti in regalo o tramite scambio. Farò un post nuovo ogni settimana, per aggiornare tutti i miei nuovi libri. 

Questa settimana, le nuove entrate della mia libreria sono state:
 
IMMORTAL di Alma Katsu

Sinossi: È un inverno che non dà scampo quello che avvolge nel gelo e nella neve il piccolo paese di St. Andrew, nel Maine, a pochi chilometri dal confine canadese. È notte e la foresta ghiacciata pare sussurrare nell'oscurità. Luke, giovane medico di turno al pronto soccorso, si ritrova davanti una ragazza dall'apparente età di diciannove anni e dalla bellezza eterea e struggente. È atterrita e chiusa nel silenzio, ma i suoi occhi sembrano gridare. Ha appena ucciso un uomo, abbandonandone il cadavere nel bosco. Si chiama Lanny e, con voce appena udibile, sostiene di aver ucciso quell'uomo perché era stato lui a chiederglielo. Prega Luke di aiutarla a scappare. Quando il dottore rifiuta, Lanny afferra un bisturi e si squarcia il petto nudo. Quello che succede dopo cambierà le loro vite per sempre. Luke, sconvolto, accetta di aiutarla a scappare oltre confine. E durante la fuga, lei gli rivela il proprio passato. Lanny è immortale e ha più di duecento anni. Il suo è il racconto di una donna travolta da un amore torbido, appassionato e mai ricambiato abbastanza. È il racconto di un uomo ossessionato dalla bellezza e dal bisogno oscuro di possederla, un uomo che trasforma la passione fisica in uno strumento di dominio. È il racconto del terribile prezzo da pagare in cambio della vita eterna.

 RACCONTI CHE FANNO LE FUSA di Julia Deuley

Sinossi: La saggezza dei gatti è insondabile. Magica, imprevedibile, graffiante, maliziosa. E' una saggezza vecchia di millenni, ma eternamente giovane. I gatti hanno strani poteri. Ci confondono con la loro grazia, ci ammaliano con il mistero dei loro occhi che scrutano nel buio e ci incuriosiscono con quel loro sofisticato distacco. E sono proprio loro, i gatti, i grandi protagonisti di questi racconti: gatti che incontrano il Creatore, sfidano la Morte, non temono la Grande Sfinge, ingannano uomini e animali.


 I SEGRETI DI SIBLE PELDEN di Stella Gibbons

Sinossi: Viola, giovane commessa senza futuro, accetta di sposare il noioso Theodore, il quale tuttavia è così opportuno da morire di polmonite poco dopo le nozze. Senza un soldo Viola, ventunenne, è costretta ad andare a vivere in campagna con la famiglia di lui: l'orrendo signor Wither, ossessionato dai soldi, la sbiadita signora Wither, che disapprova chiunque non sia serioso e insignificante, e le cognate che hanno da tempo superato la trentina, la rigida Madge, tutta sport e cani, e la nevrotica Tina, che ha tentato molte carriere senza riuscire in nessuna. L'allegra compagnia vive a Le Aquile, una casa fredda e respingente. Dall'altra parte del bosco vive Victor, il classico Principe Azzurro e Viola, naturalmente, s'innamora di lui, sognando un ballo, un matrimonio fastoso...

 QUANDO SOFFIA IL VENTO di Monica Dickens

Sinossi: Londra, anni cinquanta. Louise ha un matrimonio insoddisfacente e tre figlie ormai adulte con cui ha sempre avuto dei rapporti un po' distanti. Muore il marito e per un attimo a Louise si apre la prospettiva di una vita finalmente sua, piena delle cose che non ha mai potuto fare. Ma ben presto scopre di essere stata lasciata senza un soldo: non solo non ha più una casa in cui stare, non ha neppure i soldi per il biglietto dell'autobus o per comprarsi un vestito nuovo. L'unica soluzione, dicono le figlie, - che ritengono socialmente disdicevole che la madre possa trovarsi un lavoro - è quella che Louise vada a vivere a turno presso di loro. Come un pacco indesiderato spedito da una figlia all'altra, Louise non può che sentirsi un'ospite mal sopportata. Neanche l'incontro con uno stravagante venditore di letti e scrittore di gialli trash sembra poterla aiutare a superare l'impasse in cui le tradizioni borghesi la inchiodano. Monica Dickens delinea con affetto e ironia la vita di una donna integralmente dipendente dagli altri, senza condannare gli egoismi degli uni o le incapacità degli altri, e riesce a trasformarla in un'eroina romantica in conflitto con un mondo indifferente.

IL PRATO DI CAMOMILLA di Mary Wesley

Sinossi: Richard e Helena Cuthbertson ospitano, come ogni anno, i loro nipoti per le vacanze estive. La grande casa di Helena, circondata da un prato di camomilla che scende fino alla scogliera, è per i ragazzi il luogo dell’infanzia, e per gli adulti quello della sicurezza. E’ il 1939, la vacanza finisce bruscamente con lo scoppio della guerra. E tra la Cornovaglia e Londra si consuma la scomparsa delle vite precedenti: la paura della morte e la sensazione di totale incertezza suscitano il desiderio di provare emozioni fino ad allora tenute nascoste. Le tradizionali inibizioni saltano, nessuno si accontenta più di vivere dentro regole che appaiono sempre più strette e insensate. Anche le buone maniere sembrano sparire. A decenni di distanza molti dei protagonisti si ritrovano in occasione del funerale di uno di loro, e questa sarà l’occasione per rievocare quegli anni, riuscendo persino ad ammettere che mai come in quel periodo di incursioni aeree, di morti, di case distrutte, di razionamenti ci si è divertiti così tanto. Mary Wesley ricorda senza censure, e getta luce sulla violenza e la vivacità tagliente della gioventù, i dolori e le perdite dell’età, la transitorietà della vita e di tutte le persone e i posti che più amiamo. Si vuole provare ogni esperienza, vivere intensamente, che sia l’amore, il sesso, nuovi tipi di relazione, prima che sia troppo tardi, prima che scoppi la prossima bomba.

venerdì 23 marzo 2012

Recensione: L'EREDITA' DI JENNA

Ecco la mia recensione al libro "L'eredità di Jenna" di Mary E. Pearson.


Titolo: L'eredità di Jenna
Serie: Jenna Fox Chronicles, vol. 2
Autrice: Mary E. Pearson
Traduzione: Elena Reggiani
Editore: Giunti Y
Data di pubblicazione: 7 Marzo 2012
Pagine: 448
Prezzo: 14,50
 
Sinossi: Jenna, Kara e Locke, tre amici inseparabili, tornando da una festa rimangono uccisi in un terribile incidente. I loro corpi non possono essere salvati ma le loro menti vengono tenute in vita e intrappolate in un computer. Jenna è la prima a risvegliarsi con un corpo artificiale grazie a un esperimento di biotecnologia avanzata. Kara e Locke invece vengono dimenticati e rimangono in un lunghissimo limbo dove esistono solo i loro pensieri e i loro sentimenti. Passano gli anni e poi i secoli e finalmente Locke e Kara si trovano di nuovo nelle loro sembianze, riprodotte in laboratorio. Ma il mondo in cui si risvegliano è un luogo estraneo dove tutto e tutti quelli che conoscevano sono ormai scomparsi. Tutti tranne Jenna Fox. 

La mia opinione: Se la mia impressione su "Dentro Jenna" era già positiva, la lettura di questo sequel "L'eredità di Jenna" non solo si dimostra totalmente all'altezza delle aspettative, ma incredibilmente le supera! "Dentro Jenna" essendo un romanzo totalmente autoconclusivo non aveva la necessità di un seguito, la storia sembrava essere già del tutto finita e il fatto che l'autrice abbia deciso di proseguire con la serie (decisione che ha preso solo dopo la pubblicazione del primo libro e che quindi non era preventivata) poteva essere rischioso, dato che spesso i seguiti sono sempre un po' deludenti, forzati e hanno poco carattere. Ma basta leggere le primissime pagine di "L'eredità di Jenna" per rendersi conto che non è così. La storia parte subito con slancio e già da subito appare intrigante e ricca di colpi di scena. 
*** attenzione spoiler per chi non ha ancora letto il libro "Dentro Jenna" ***
Ci troviamo nel futuro, ben 260 anni dopo le vicende narrate in "Dentro Jenna" e questa volta non è Jenna ad essere protagonista ma è Locke (l'amico di Jenna che viene spesso menzionato ma mai conosciuto realmente nel precedente libro). Lui e Kara (l'altra amica di Jenna) erano insieme a Jenna la notte in cui successe il maledetto incidente d'auto che spezzò le loro giovani vite. Jenna era stata miracolosamente salvata grazie al 10% del suo cervello ancora funzionante, ma loro invece furono dichiarati morti, e non essendoci nessuna percentuale di loro da riuscire a salvare sembrava non esserci nessuna possibilità. I medici di nascosto fecero le scansioni delle loro menti e salvarono i dati all'interno di scatole nere, proprio come se fossero delle memorie di pc e solo dopo 260 anni di polvere e abbandono queste scatole furono riutilizzate per ridare vita ai due ragazzi all'interno di corpi creati totalmente in laboratorio. Locke e Kara si ritrovano a rivedere la luce dopo più di due secoli e mezzo di sofferenza. Durante questo tempo infatti le loro menti erano ancora coscienti, imprigionate in un limbo di tenebra e per tutti quegli anni hanno continuato incessantemente a gridare aiuto senza essere sentiti da nessuno. Il mondo al quale erano abituati è cambiato radicalmente e non c'è più nulla che possano riconoscere. I loro parenti sono tutti morti. Solo una loro vecchia conoscenza è rimasta: Jenna. La loro migliore amica. La loro compagna di sventure. Ma un sentimento di rabbia e vendetta si insinua nelle loro menti. L'idea che per tutto quel tempo Jenna avesse vissuto la sua vita come se niente fosse mentre loro erano agonizzanti dentro a scatole dimenticate sembra un'ingiustizia grandissima. Perché Jenna non ha cercato di salvarli? Come può essersi dimenticata di loro? Locke e Kara adesso sono assetati di vendetta e verità, ma lo scienziato che li ha ricreati in laboratorio li vuole tenere come cavie e non sarà facile riuscire a trovare le risposte che cercavano e ritrovare Jenna.
*** Fine spoiler ***
"Dentro Jenna" è un romanzo molto introspettivo, esistenziale, che si pone domande di natura etica. "L'eredità di Jenna" invece è un romanzo molto più dinamico e di azione. Le parti di introspezione ci sono anche qui ma sono molto ridotte rispetto al resto del libro. Fin da subito accadono moltissimi avvenimenti in grado di catturare totalmente l'attenzione del lettore e con successo! L'autrice si dimostra bravissima a piazzare colpi di scena a ripetizione. Inoltre uno stile di scrittura fluente e descrizioni fervide aiutano moltissimo a far immedesimare in questo mondo del futuro, dando l'impressione di vivere questa avventura in prima persona. Tutta la prima parte del libro è incredibilmente elettrizzante, rocambolesca ed emozionante come mai mi sarei aspettata. Poi dalla metà in avanti il ritmo narrativo si stabilizza un po' e per alcuni capitoli rallenta anche, in attesa dello sprint finale che nuovamente porterà con sé numerosi colpi di scena, alcuni lieti e altri un po' meno...! "L'eredità di Jenna" è un'avventura meravigliosa e spiazzante che saprà farvi battere forte il cuore. E' altresì una storia intensa di amicizia, odio e amore. Ancora una volta fa riflettere sull'identità personale, sull'importanza della scienza, ma anche sulla sua pericolosità se gestita in maniera sbagliata. Ma nuovamente è arduo stabilire a priori ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, perché le sfumature sono tante ed è facile cadere nei soliti pregiudizi. La mia frase preferita è stata: "I cambiamenti non avvengono da un momento all'altro, sono modellati piano piano dalle persone che non si arrendono".


E ora, per dare una migliore panoramica, passiamo a esaminare bene le varie parti che compongono il libro:


Cover: Nonostante l'edizione della Giunti sia curatissima (come al solito) in tutti gli aspetti (io ad esempio adoro la copertina inferiore di due colori e abbinata alle tonalità della sovracopertina!) devo ammettere che l'immagine di copertina non mi sia piaciuta molto. Con i contenuti del libro si accorda, non è un problema di adeguatezza alla storia, ma mi sembra una versione simile alla cover originale ma non altrettanto brillante.
Sarà che io ADORO il dettaglio del puzzle nella cover originale e mi è proprio dispiaciuto che nella versione italiana sia stato omesso:
 

Stile di scrittura: Scorrevolissimo, con descrizioni accurate al punto giusto, mai noioso, mai scontato! L'ho adorato! In alcuni momenti poi la narrazione più avventurosa lascia spazio a interessanti momenti di riflessione, che occupano il giusto spazio nella storia, senza prevaricare sull'azione.

Idee alla base della storia: Già le idee alla base del libro precedente erano ottime. In questo seguito l'autrice da proprio il meglio di sé stessa per mettere insieme una storia ancora più originale e brillante della precedente! Ne sono rimasta pienamente soddisfatta!!!

Caratterizzazione dei personaggi: In questo libro tutti i personaggi sono descritti in maniera molto credibile e articolata. Non solo il protagonista, ma anche i personaggi secondari hanno un'ottima caratterizzazione e danno al lettore l'idea di essere personaggi vivi e reali.

Editing e traduzione a cura della casa editrice: Tutto perfetto e curato nei minimi dettagli!



voto:



Acquisto consigliato? Sì, senza la minima esitazione! Se avete già letto e apprezzato il romanzo precedente con questo potete andare sul sicuro, perché a mio avviso è ancora migliore del primo! Dopo questo libro è previsto un ennesimo seguito, ancora in via di scrittura. Ma siccome questa storia sembrerebbe concludersi qui, si può definire autoconclusiva (anche se obbligatoriamente da leggere dopo aver letto "Dentro Jenna")

mercoledì 21 marzo 2012

W... W... W... Wednesdays (52)

w... w... w...wednesdays è stato creato da MizB di ShouldBeReading


Questo è un giochino che funziona rispondendo a 3 semplici domande:
* What are you currently reading? (Cosa stai leggendo?)
* What did you recently finish reading? (Quale libro hai finito di recente?)
* What do you think you’ll read next?(Quale libro sarà la tua prossima lettura?)
Ecco le mie risposte:


*What are you currently reading?


Sto leggendo "L'eredità di Jenna" di Mary E. Pearson. L'ho appena iniziato ma già mi sta piacendo molto, spero che continui così!







*What did you recently finish reading?


Ho finito di leggere ieri "Le sorelle Soffici" di Pierpaolo Vettori. Un libro strano, molto fantasioso e visionario, che mi sento di consigliare. Qui la mia recensione: http://ilregnomagicodeilibri.blogspot.it/2012/03/recensione-le-sorelle-soffici.html
*What do you think you’ll read next?

Prossimamente leggerò i seguenti libri: "Ogni goccia di sangue" di Michael Robotham, "Gli ingredienti segreti dell'amore" di Nicolas Barreau, e "Tempestuous" di Lesley Livingston.

Avvistamento in libreria: PESCA AL SALMONE NELLO YEMEN

Per la casa editrice Elliot, il 29 Febbraio 2012 è stato pubblicato un libro che sono sicura piacerà molto agli amanti delle avventure esilaranti e della vita all'aria aperta. Si tratta di "Pesca al salmone nello Yemen" di Paul Torday. Un libro talmente carino e che ha ricevuto così successo in tutto il mondo che a Maggio uscirà la sua trasposizione cinematografica (per la regia di Lasse Hallstrom; protagonisti Ewan McGregor, Emily Blunt e Kristin Scott Thomas). Di sicurò non me lo perderò!

Ecco la scheda del libro:

Titolo: Pesca al salmone nello Yemen
Autrice: Paulo Torday
Traduzione: Annamaria Raffo
Casa editrice: Elliot (collana Scatti)
Pagine: 256
Prezzo: 16,50 euro
Data pubblicazione: 29 Febbraio 2012

Sinossi: Alfred Jones, un oscuro e timido ittiologo londinese che lavora per l’ente statale di tutela della pesca, viene incaricato da un ricchissimo sceicco yemenita di collaborare al progetto di introdurre il salmone tra le aride montagne dello Yemen. Alfred, consapevole dell’ assurdità del progetto in questione, all’inizio rifiuta, ma poi viene esortato ad accettare l’incarico – pena il rischio di licenziamento – dai suoi superiori, e quindi addirittura dal portavoce del primo ministro inglese, convinto in questo modo di poter sviare l’attenzione dell’opinione pubblica dalle tensioni della guerra in Iraq.
Così Fred viene trascinato controvoglia in quest’impresa bizzarra e apparentemente impossibile insieme al carismatico e visionario sceicco e alla sua giovane assistente Harriet. È solo l’inizio di una serie di avventure e disavventure esilaranti e tragicomiche che lo vedranno protagonista tra politici spregiudicati, terroristi islamici, nazionalisti scozzesi, pescatori lobbisti e dubbi sentimentali: Alfred, infatti, partirà per lo Yemen lasciandosi alle spalle un noioso matrimonio senza amore e molte delle certezze che lo hanno guidato fino a quel momento della sua vita.

Il romanzo che ha rivelato il talento di Torday



Dicono di questo libro:


«Una brillante satira, affascinante ed estremamente divertente» THE OBSERVER

«Bellissimo» THE NEW YORK TIMES

«È straordinaria la capacità dell’autore di affrontare argomenti così seri facendoti ridere… un trionfo» THE GUARDIAN

«Paul Torday è il miglior narratore inglese di oggi» TIZIANO GIANOTTI – D DI REPUBBLICA



L'AUTORE:

Paul Torday è nato in Gran Bretagna nel 1946, è l’autore di romanzi di successo quali "L’irresistibile eredità di Wilberforce", "La ragazza del ritratto" e "Vita avventurosa di Charlie Summers", tutti editi da Elliot. "Pesca al salmone nello Yemen", divenuto ben presto un best seller internazionale, ha fatto di lui il nome nuovo per eccellenza della letteratura inglese.

Oggi in uscita: UN CUORE ROSSO RUBINO IN UN FREDDO MARE BLU

Ciao a tutti/e,
volevo segnalarvi un'uscita di oggi, 21 Marzo 2012, per la casa editrice Elliot.
Si tratta di "Un cuore rosso rubino in un freddo mare blu" di Morgan Callan Rogers ed è un romanzo a mio avviso molto interessante, che con velata ironia riesce a trattare argomenti molto delicati e toccanti. Mi ha colpito moltissimo il fatto che questo romanzo venga paragonato, per alcune caratteristiche, al celebre "Pomodori verdi fritti al caffè di Whistle Stop" di Fannie Flagg, romanzo che ho adorato ed è tra i miei preferiti da sempre. Sono quindi molto curiosa di leggere questo nuovo esordio internazionale.

Ecco la scheda del libro:

Titolo: Un cuore rosso rubino in un freddo mare blu
Autrice: Morgan Callan Rogers
Traduzione: Veronica La Peccerella
Casa editrice: Elliot (collana Scatti)
Pagine: 320
Prezzo: 17,50 euro
Data pubblicazione: 21 Marzo 2012

Sinossi: Quando sua madre Carlie, la donna più bella del paese, scompare misteriosamente durante una breve vacanza in un paese vicino, la vita di Florine Gilham cambia improvvisamente per sempre.
La sua spensierata routine di adolescente in un piccolo villaggio di mare del Maine degli anni Sessanta, divisa tra la complicità con la madre, l’affetto burbero del padre pescatore di aragoste, le scorribande con gli amichetti del cuore Dottie e Bud e le squisite torte dell’adorata nonna, lascia il posto a una quotidianità ben diversa, segnata dall’assenza e da interrogativi senza risposta.
Sia Florine che suo padre, però, non si rassegnano a credere che Carlie sia morta, ma con il passare delle settimane e dei mesi la speranza si fa sempre più flebile, mentre intorno il mondo continua a girare come prima e la vita stessa sembra reclamare dalla ragazzina che torni a essere quella di prima.
Intanto suo padre ha iniziato a frequentare Stella, una sua ex fidanzata che aveva lasciato proprio per Carlie, e Florine non vuole in nessun modo che quella donna a lei odiosa prenda il posto di sua madre. Florine, infatti, continua a serbare nel proprio cuore la speranza che Carlie un giorno tornerà…

Un grande successo internazionale comico e commovente, tra Pomodori verdi fritti alla fermata del treno di Fannie Flagg e Amy e Isabelle di Elizabeth Strout.


Dicono di questo libro:

«Il toccante e vivace romanzo di Morgan Callan Rogers illumina in modo brillante il senso più vero della perdita e il nostro desiderio più profondo di mantenere in vita per sempre le persone che amiamo» Caroline Leavitt

«Era da tanto tempo che non mi innamoravo così profondamente di un personaggio femminile, e anche a libro finito confesso che continuo a pensare a Florine» Monica Wood


L'AUTRICE:

Morgan Callan Rogers è nata nel Maine, dove è cresciuta e ha lavorato come bibliotecaria, giornalista, attrice e insegnante. "Un cuore rosso rubino in un freddo mare blu", suo primo romanzo, è un bestseller internazionale ed è tuttora in corso di pubblicazione in numerosi paesi.

Fanucci: le anteprime di Marzo 2012

Il 29 Marzo 2012, per la casa editrice Fanucci, saranno pubblicate molte imperdibili novità, che soddisferanno gli amanti del fantasy e della fantascienza.

Ma partiamo con ordine. 

Innanzitutto verranno pubblicati tutti e 5 i libri della saga fantasy & fantascientifica "Il libro del nuovo sole" di Gene Wolfe. Il primo romanzo avrà il prezzo lancio di 4,90 euro, mentre gli altri costeranno 9,90. E' una serie di molto successo, che è stata scritta nei primi anni '80, e per quanto mi risulta non è mai stata tradotta in Italia.

L'OMBRA DEL TORTURATORE
di Gene Wolfe
(serie "Il libro del nuovo sole" vol. 1)

Titolo: L'ombra del torturatore
Serie: Il libro del nuovo sole, vol. 1
Autore: Gene Wolfe
Casa editrice: Fanucci
Pagine: 304
Data di pubblicazione: 29 Marzo 2012
Prezzo: 4,90

Sinossi: Come la ruvida cartolina olografica in grado di restituire con una sensibileinclinazione lo sviluppo tridimensionale dell’immagine, le vicende di Severian, apprendista artigiano della corporazione dei Torturatori, si muovono tra paesaggi medievali e architetture avveniristiche. Sullo sfondo la Torre di Matachin, luogo d’iniziazione ai segreti della casta che ammette come unici adepti i figli delle proprie vittime; in primo piano, l’amore per la condannata Thecla, motore propulsore della storia, che condurrà il protagonista lontano da Nessus, la Città Immortale; ed è in cammino sulle vie dell’esilio, con la spada del Maestro come unica compagna, che Severian tenterà la riscossa contro l’imperscrutabile potere dell’Autarca...

Primo volume del ciclo "Il Libro del Nuovo Sole", "L’ombra del torturatore" è una prova narrativa sontuosamente immaginifica, capace di mettere d’accordo i cultori della fantasy e della fantascienza.



L'ARTIGLIO DEL CONCILIATORE
di Gene Wolfe
(serie "Il libro del nuovo sole" vol. 2)

Titolo: L'artiglio del conciliatore
Serie: Il libro del nuovo sole, vol. 2
Autore: Gene Wolfe
Casa editrice: Fanucci
Pagine: 304
Data di pubblicazione: 29 Marzo 2012
Prezzo: 9,90

Sinossi: In un futuro remoto, su una Terra misteriosa e affascinante, prosegue il viaggio di Severian verso Thrax, la città del suo esilio. La disobbedienza alle ferree regole della confraternita cui apparteneva ha causato il suo allontanamento dalla Città, e ora si avvia nella sua personale Odissea accompagnato solo dalla mitica spada del Torturatore, Terminus Est, donatagli dal suo maestro. Tra creature scimmiesche dotate di intelligenza umana, riti cannibaleschi e insidie, i passi di Severian avanzano in un universo narrativo in cui riecheggia l’eco dei grandi eroi classici e moderni. È un viaggio di maturazione, lungo e costellato di pericoli, quello che compie, e che lo condurrà verso l’Artiglio del Conciliatore, una gemma miracolosa appartenuta a una figura leggendaria.

Lo stile ipnotico e senza tempo di Gene Wolfe conduce Severian attraverso avvenimenti che paiono succedersi seguendo un percorso onirico, inscrivendo questo secondo capitolo del ciclo "Il Libro del Nuovo Sole" nella migliore tradizione fantastica, da Lovecraft a Mervyn Peake.

LA SPADA DEL LITTORE
di Gene Wolfe
(serie "Il libro del nuovo sole" vol. 3)

Titolo: La spada del littore
Serie: Il libro del nuovo sole, vol. 3
Autore: Gene Wolfe
Casa editrice: Fanucci
Pagine: 304
Data di pubblicazione: 29 Marzo 2012
Prezzo: 9,90

Sinossi: Nella valle ai piedi del Castello di Acies, sorge l’imponente e opulenta Thrax, la Città dalle Stanze Senza Finestre. È qui che Severian il Torturatore sconta l’esilio, prestando i suoi servigi come Littore presso il Vincula, l’antica necropoli trasformata in prigione. Con sé ha la fida spada Terminus Est e l’Artiglio, un gioiello dai poteri insondabili lasciatogli in eredità dal Conciliatore. Eppure qualcosa in lui è cambiato, il Torturatore che sentiva di essere vacilla. La fuga sulle montagne, in compagnia di un prigioniero da lui liberato e di un giovane che incontra lungo il suo cammino, sarà l’occasione per rileggere il proprio passato alla luce di nuove peregrinazioni e di sfide ancor più ardue, che lo metteranno ancora una volta faccia a faccia col suo destino.

Con questo terzo capitolo del ciclo "Il Libro del Nuovo Sole", Gene Wolfe dà un contributo fondamentale alla formazione di un immaginario fantascientifico poetico e allo stesso tempo magico.

LA CITTADELLA DELL'AUTARCA
di Gene Wolfe
(serie "Il libro del nuovo sole" vol. 4)

Titolo: La cittadella dell'autarca
Serie: Il libro del nuovo sole, vol. 4
Autore: Gene Wolfe
Casa editrice: Fanucci
Pagine: 320
Data di pubblicazione: 29 Marzo 2012
Prezzo: 9,90

Sinossi: Dopo un lungo viaggio costellato di personaggi bizzarri ed eventi straordinari, Severian ha finalmente raggiunto la città del suo esilio: Thrax, la Città dalle Stanze Senza Finestre. Dei portentosi prodigi, però, indicano che la sorte ha in serbo per lui un destino più elevato e che Thrax non è la meta definitiva del suo peregrinare. Severian deve riprendere il cammino alla volta di Nessus, la città da cui è stato bandito, con una missione gravosa: salvare il fato dell’intera Urth dando vita alla nascita del Nuovo Sole e di una nuova era. Non c’è spazio per dubbi ed esitazioni, la sua nuova prova contempla due uniche alternative: diventare il Nuovo Sole oppure morire.

Nel quarto volume del ciclo "Il Libro del Nuovo Sole" il peregrinare di Severian assume i connotati di un vero e proprio viaggio epico. Come un eroe classico che abbia espiato le proprie colpe in un viaggio di formazione e di catarsi, Severian fa finalmente ritorno a casa consapevole del destino di prescelto che lo attende.

URTH DEL NUOVO SOLE
di Gene Wolfe
(serie "Il libro del nuovo sole" vol. 5)

Titolo: Urth del nuovo sole
Serie: Il libro del nuovo sole, vol. 5
Autore: Gene Wolfe
Casa editrice: Fanucci
Pagine: 400
Data di pubblicazione: 29 Marzo 2012
Prezzo: 9,90

Sinossi: In quest’ultimo capitolo del Libro del Nuovo Sole, Severian è divenuto ormai Autarca di Urth, ma un viaggio decisivo lo chiama. È giunto il momento di lasciare il pianeta per affrontare la prova estrema. Il destino prevede per lui solo due possibilità, senza alternative: diventerà il leggendario Nuovo Sole oppure la morte calerà il suo nero mantello su di lui. Integrato nel progetto narrativo dell’intero ciclo, ma tale da poter esser visto come elemento architettonico a sé stante, Urth del Nuovo Sole è il coronamento di un singolare romanzo di formazione che, attingendo tanto al racconto popolare quanto alle strategie del postmoderno, reinterpreta magistralmente i codici del genere fantascientifico.

Gene Wolfe accompagna il lettore tra le pagine più complesse e cariche di risposte dell’intero ciclo, riconfermando la sua straordinaria vocazione al fantastico, con nuovi spunti che attingono alla tradizione cristiana e alla kabbalah ebraica.

Dicono di questa saga:


“Gene Wolfe è il miglior scrittore vivente.” Patrick O’Leary

“L’enorme apporto di Gene Wolfe alla letteratura mondiale deriva dal matrimonio tra modernismo e science fiction.” sf-encyclopedia.com

“Una scrittura raffinata, intelligente e soave.” American Heritage

L'AUTORE:

Gene Wolfe è nato il 7 maggio 1931 ed è considerato da molti il miglior scrittore vivente di fantascienza e fantasy. Nel corso della sua carriera ha vinto tutti i principali premi letterari, tra cui il Nebula, il Locus, il World Fantasy Award e il British Science Fiction Association Award. Questo ciclo, "Il Libro del Nuovo Sole", è la sua opera più celebre.











Passiamo poi ad un libro pubblicato recentemente (nel 2010 in Canada e USA) e che appartiene al genere fantasy storico orientale:

LA RINASCITA DI SHEN TAI
di Guy Gavriel Kay

Titolo: La rinascita di Shen Tai
Autore: Guy Gavriel Kay
Casa editrice: Fanucci
Pagine: 592
Data di pubblicazione: 29 Marzo 2012
Prezzo: 14,90

Sinossi: Shen Tai è il figlio del generale che ha condotto le forze dell’impero di Kitai nell’ultimo scontro contro i Tagur, vent’anni or sono. Quarantamila uomini, su entrambi i fronti, hanno perso la vita in quella battaglia, sulle remote rive di un lago nascosto tra le montagne occidentali. Il Generale Shen Gao è ormai deceduto. Per onorare la memoria del padre, Tai decide di trascorrere i due anni di lutto ufficiale ritirandosi in eremitaggio sul sito della battaglia, tra gli spiriti dei defunti, sforzandosi di dare una degna sepoltura ai loro resti sparpagliati. Una mattina di primavera, però, apprende che la sua veglia non è passata inosservata: la Principessa di Giada Bianca dei Tagur gli offre in dono duecentocinquanta cavalli sardiani, come ricompensa – scrive lei – per il suo coraggio e il suo impegno nell’onorare la memoria dei defunti.
Dona a un uomo uno dei rinomati cavalli sardiani e lo ricompenserai grandemente. Concedigliene quattro o cinque, e lo eleverai al di sopra dei suoi simili, attirandogli gelosie finanche mortali.
Duecentocinquanta cavalli sono un tesoro che va oltre ogni immaginazione, un dono in grado di sopraffare perfino un imperatore. Tai riprende la strada dell’est, verso la scintillante capitale imperiale, densa di pericoli, preparandosi a lasciare il suo ritiro solitario sulle rive di un lago lontano per tornare alla sua vita, ormai cambiata per sempre.

Dicono di questo libro:

“Kay è un genio. Leggo i suoi libri da una vita, e il suo lavoro non manca mai di ispirarmi. Impossibile non amarlo.” Brandon Sanderson

“La rinascita di Shen Tai è praticamente tutto quello che un lettore potrebbe volere da un libro: un’avventura mozzafiato, una storia d’amore, un romanzo di crescita, una cronaca militare, un complicato intrigo di corte, una tragedia, e mille altre cose ancora. Questo libro è un autentico banchetto di parole, una storia meravigliosamente scritta, il cui cuore intenso e vibrante non potrà che farvi rimpiangere di essere arrivati all’ultima pagina.” Globe and Mail

“Uno straordinario racconto epico, cesellato con maestria, che trascina il lettore nel suo vortice e non lo lascia più andare.” The Huffington Post

“La ricostruzione fantastica della dinastia T’ang e della sua antica Cina ad opera di Guy Gavriel Kay in La rinascita di Shen Tai ha l’accuratezza di un autentico documento storico. Per chiunque abbia voglia di leggere un thriller politico, un’appassionante ricostruzione storica o anche soltanto una bella storia di fantasmi, questo romanzo li riunisce tutti in una trama incredibilmente scorrevole.” Bookpage


L'AUTORE:

Guy Gavriel Kay è un autore canadese di narrativa fantasy. Molti dei suoi romanzi sono ambientati in mondi immaginari che ricordano però luoghi e periodi storici reali. Ha scritto oltre 10 romanzi e numerosi racconti. Le sue opere sono state tradotte in 22 lingue e hanno venduto oltre due milioni di copie. "La rinascita di Shen Tai" ha vinto il Sunburst Award battendo opere di autori come Robert J. Sawyer, Douglas Smith, S.M. Stirling e Hayden Trenholm, è stato scelto come miglior romanzo fantasy dall’American Library Association ed è stato finalista al World Fantasy Award (premio già vinto da Kay con il suo romanzo precedente, "Ysabel").




Passiamo infine all'ultima novità di questo mese. Si tratta di un romanzo novità assoluta (pubblicato in patria solo lo scorso anno) di un autore già molto noto e famoso anche qui in Italia, ed appartiene all'interessantissimo e peculiare genere thriller sci-fi:

FLASHBACK
di Dan Simmons

Titolo: Flashback
Autore: Dan Simmons
Casa editrice: Fanucci
Pagine: 288
Data di pubblicazione: 29 Marzo 2012
Prezzo: 9,90

Sinossi: Gli Stati Uniti sono vicini al collasso totale, ma gran parte della popolazione non se ne preoccupa: sono tutti dipendenti da flashback, un farmaco che permette di rivivere i momenti migliori della propria vita. Dopo che la moglie dell’ex-detective Nick è morta in un incidente d’auto, lui ha iniziato ad assumere flashback per stare con lei; ma nel frattempo ha perso il lavoro, il figlio adolescente, e la vita che aveva prima. Nick sembrerebbe perduto, ma sa fare ancora bene il suo lavoro di poliziotto, così viene assunto per indagare sull’omicidio del figlio di un alto consigliere governativo. Ed è lui l’unico uomo in grado di cambiare il corso di un’intera nazione che si sta allontanando dal futuro per vivere nel passato.

Un romanzo provocatorio ambientato in un futuro che sembra spaventosamente possibile, "Flashback" dimostra perché Dan Simmons è uno degli scrittori più interessanti e versatili del panorama sci-fi contemporaneo.


Dicono di questo libro:

“La capacità inventiva di Dan Simmons è davvero stupefacente.” Kirkus Reviews


L'AUTORE:

Dan Simmons è nato nel 1948 in Illinois. Con il ciclo "I canti di Hyperion", pubblicato di recente da Fanucci Editore, ha vinto numerosissimi premi. Tra le sue opere principali ricordiamo anche il ciclo di Ilium.

martedì 20 marzo 2012

Recensione: LE SORELLE SOFFICI

Recensione del libro "Le sorelle Soffici" di Pierpaolo Vettori.


Titolo: Le sorelle soffici
Autore: Pierpaolo Vettori
Casa editrice: Elliot (collana Scatti)
Pagine: 178
Prezzo: 16,00 euro
Data pubblicazione: 25 Gennaio 2012

Sinossi: Veronica Soffici è una ragazza molto speciale, parla con gli scrittori defunti che popolano la biblioteca di casa, mangia mele con i chiodi di garofano e sente di essere la sola a difendere la sorella Cecilia dai pericoli terreni e ultraterreni. La sua è una famiglia di industriali la cui fortuna è stata costruita sulla ricetta segreta di una marmellata diventata famosa in tutto il mondo. Ma i tempi cambiano e l’ombra del fallimento sembra incombente, mentre i primi scandali di Tangentopoli cominciano ad apparire nelle cronache. Un aiuto potrebbe arrivare da un ambiguo faccendiere, l’unico in grado di garantire una via d’uscita, ma sarà necessario sacrificare qualcuno. Giorno dopo giorno Veronica riporta nel suo diario ricordi, visioni, fantasie ma anche i mutamenti repentini che stravolgono la routine familiare, insieme al viavai di speculatori, portaborse e politici che stringono d’assedio i terreni intorno a Villa Soffici. Alla ragazza non resta che organizzare una forma di resistenza tutta sua e giocare la crudele partita con il mondo.

La mia opinione: "Le sorelle Soffici" è una favola contemporanea, un viaggio surreale nella fantasiosa mente di Veronica Soffici, protagonista e voce narrante del romanzo. Attraverso un diario scritto da lei il lettore imparerà a calarsi nella realtà quotidiana di questa ragazza di diciassette anni. Veronica Soffici è figlia di un ricco industriale che negli anni ha fatto fortuna con la produzione di marmellate. Ma i tempi sono cambiati, la concorrenza è diventata spietata, il padre ha contratto diversi debiti, e il ricco patrimonio della famiglia Soffici fa gola a molte persone, che vorrebbero appropriarsene e adibire i vasti terreni ad altri utilizzi, assai più remunerativi. Veronica è considerata da tutti come una ritardata, un'eterna bambina che non è in grado di capire e davanti a lei sfilano loschi personaggi mostrando la loro perfida natura e cercando di alimentare i propri interessi intessendo una rete di affari sporchi, maneggi, ricatti e corruzioni. Veronica segue tutto con occhio vigile, ma stravolgendo la realtà con visioni assurde ed allucinanti. Perché lei vive nel suo mondo fatto di fantasia, parla con i libri, vede angeli e scambia corrispondenza con gli autori deceduti dei suoi libri preferiti. Per fortuna che nella sua vita c'è Cecilia, sua sorella, l'unica persona all'interno della grande villa con la quale può parlare. Ma anche lei non è una ragazza normale, anzi, è ancora più vulnerabile di Veronica, perché non riesce a percepire il pericolo e Veronica deve prendersi cura di lei, lo sente come l'unico scopo della sua vita. E alla morte del padre le due sorelle sono in grave pericolo, perché uniche eredi della fortuna di famiglia. Veronica sa che non possono fidarsi di nessuno, perché tutti vogliono fare loro del male, ma al tempo stesso sa anche che non sono in grado di sopravvivere senza l'aiuto di qualcuno. Ciò nonostante continuerà ad opporre resistenza e a tentare di farcela con tutte le sue forze.
La lettura di questo libro è stata piacevole, dinamica e scorrevole. Mi sono ritrovata a prendere il libro in mano alle 18 e, con qualche piccola pausa, l'ho terminato alle 23,30 della stessa giornata. Sono stata conquistata dallo stile di scrittura poetico e fantasioso dell'autore, e mi sono lasciata trasportare completamente in questo mondo di visioni ad occhi aperti e drammatiche verità, dove non si riesce mai a distinguere la linea di demarcazione tra ciò che è concreto e ciò che rappresenta solo una deformazione del reale. E' stato come fluttuare in un universo a me sconosciuto ma capace di donarmi una forte attrattiva. Una sorta di Alice nel paese delle meraviglie, che, al contrario del famoso romanzo di Lewis Carroll, non è basato interamente sul sogno, ma rimane in parte ancorato alle drammatiche vicende di una famiglia vuota e triste. Durante la lettura non mancano anche piccole rivelazioni e colpi di scena, con un finale bellissimo, forse l'unico adatto, molto incisivo, tagliente come un rasoio e dal fastidioso sapore di chiodi di garofano. Mi sarebbe piaciuto perdermi nelle pagine ancora un po' e vivere a fianco di Veronica nel suo mondo dissociato e unico. "Una completa scissione dal mondo è improbabile ma non impossibile".

E ora, per dare una migliore panoramica, passiamo a esaminare bene le varie parti che compongono il libro:

Cover : Molto carina, affascinante, dal significato simbolico.

Stile di scrittura: La scrittura è gradevole, poetica, con la giusta dose di scorrevolezza. Uno stile che non annoia e anzi, invoglia a continuare la lettura ad oltranza.

Idee alla base della storia: Le idee di base sono davvero uniche ed originali, tanto da non riuscire a paragonare il libro con nessun altro. Certo, per alcuni versi possono venire alla mente alcuni dejà-vu "carrolliani", ma la storia viene sviluppata su uno scheletro narrativo completamente diverso e inedito. Mi sento però di fare un appunto sulla scelta dell'ambientazione anni '90 e degli scandali di tangentopoli. Credo che l'autore si sia sentito di parlare di questo argomento perché lo conosceva meglio, ma purtroppo non si rivela come materia di vasto interesse, soprattutto per i lettori più giovani, che in quegli anni erano appena bambini o neonati. Questo è un peccato, perché come romanzo secondo me sarebbe stato perfetto da leggere anche dagli adolescenti di oggi, ma ammetto che come argomento scoraggia un po'. Io stessa ho fatto fatica ad entrare nell'ottica, non avendo ricordi della politica di quegli anni.

Caratterizzazione dei personaggi: I personaggi sono visti tutti dalla visuale distorta di Veronica, che, nonostante la sua dissociazione dalla realtà riesce comunque a fornire un quadro completo ed esauriente di tutto ciò che la circonda. Le persone che incontra sono infatti descritte con visionaria lucidità, amplificandone i difetti e dando un'immagine grottesca (anche un po' mostruosoa) e caricaturiale, che comunque non si discosta da ciò che realmente è.

Editing a cura della casa editrice: Tutto perfetto ed esente da refusi.

voto:

Acquisto consigliato? Sì, se siete amanti degli esperimenti narrativi e delle storie visionarie, il mondo dissociato di Veronica Soffici vi conquisterà.

lunedì 19 marzo 2012

TimeCRIME: le anteprime di Marzo 2012

Il 29 Marzo 2012 la casa editrice TimeCRIME pubblicherà due nuovi romanzi, a mio avviso veramente interessanti e originali entrambi e che sono curiosissima di leggere. Oltre alle trame incredibilmente accattivanti mi attraggono tantissimo le ambientazioni: un libro è infatti ambientato in una Berlino anni '30 e l'altro in una comunità Amish!!!

Ecco qui le loro schede:

I SONNAMBULI
di Paul Grossman

Titolo: I sonnambuli
Autore: Paul Grossman
Traduzione: Sara Brambilla
Casa editrice: TimeCRIME
Pagine: 380
Data di pubblicazione: 29 Marzo 2012
Prezzo: 7,70

Sinossi: Berlino, 1932. Durante i mesi durante i quali si consuma l’agonia della Repubblica di Weimar, il corpo di una giovane donna affiora dalle acque del fiume Havel, nei pressi di Spandau. Ritrovare un cadavere nel caos di una Germania postbellica che la sconfitta e la Grande Depressione hanno messo in ginocchio non è certo una novità: ma qui c’è qualcosa di diverso, d’inspiegabile. I capelli della ragazza sono tagliati troppo corti; le gambe, percorse da un intrico di cicatrici, hanno assunto una postura bizzarra, come se qualcuno avesse cambiato verso ai peroni. Gli agenti di polizia hanno scelto per lei un nomignolo agghiacciante: ‘la Sirena’. Sarà solo la prima di una lunga serie di vittime, tutte donne, giovani, straniere, menomate da atroci interventi chirurgici. Ma chi ha fatto una cosa del genere? E perché? Starà all’ebreo Willi Kraus, il più celebre detective di una Kriminal Polizei, risolvere il mistero, inoltrandosi in un mondo di orrori che prefigura il consumarsi, di lì a poco, di ben altri orrori: il Terzo Reich.

Perfettamente inserito nella migliore tradizione dei grandi thriller storici, I sonnambuli ritrae, con impressionante vividezza, una Berlino alle soglie della catastrofe: una civiltà assediata da una profonda crisi sociale e morale, che si sta aprendo all’avvento del nazismo e di quel mostruoso sonno della ragione che tale avvento porterà con sé.


Dicono di questo libro:

“Un thriller solido, ambientato in un periodo storico, gli anni ’30, tra i più affascinanti, e nelle viscere di una città e di un mondo sulle soglie della follia.” Kirkus Reviews

“Se ha ancora in serbo storie di questo calibro da raccontare, Paul Grossman si è assicurato un grandioso futuro.” Olen Steinhauer

“Al contempo fiction storica, medical mystery e thriller, I sonnambuli cattura magnificamente l’atmosfera di una Berlino sull’orlo della resa al potere nazista: il suo glamour, la sua smagliante vita culturale e insieme la decadenza, la premonizione di un’imminente catastrofe.” Library Journal, Starred Review

“Nelle pagine di questo romanzo sono molti i personaggi che vediamo camminare come sonnambuli: vorremmo scuoterli, spiegare loro cosa sta per accadere prima che sia troppo tardi, ma sappiamo che la Storia darà ragione a Willi Kraus e alle sue terribili intuizioni.” The Washington Post


L'AUTORE:

Paul Grossman collabora come giornalista freelance con Vanity Fair e Details ed è l’autore del dramma The Pariah, un’opera teatrale su Hannah Arendt e il processo Eichmann, rappresentato presso il Center for Jewish History di Manhattan. Alla sua opera d’esordio "I sonnambuli" hanno fatto seguito altri due thriller che hanno come protagonista l’ispettore della Kripo Willi Kraus, "Children of wrath" e "Finger of guilt", entrambi di prossima pubblicazione presso TimeCrime. Paul Grossman insegna storia della letteratura e scrittura creativa presso la City University di New York.

«Anche se lo sterminio ebraico da parte dei nazisti è un evento che potrebbe riempire sei milioni di romanzi, desideravo toccare l’argomento partendo da un diverso punto di vista. Ho deciso quindi di concentrarmi sulle origini della persecuzione – in particolar modo, i mesi immediatamente precedenti l’inizio del cancellierato di Hitler –, facendo sì che diventasse lo sfondo della storia. D’altro canto, visto che la Shoah è indubbiamente il peggior crimine del ventesimo secolo, mi pareva interessante raccontarne alcuni aspetti sotto forma di crime storyPaul Grossman





LA LUNGA NOTTE
di Linda Castillo


Titolo: La lunga notte
Autrice: Linda Castillo
Traduzione: Lisa Maldera
Casa editrice: TimeCRIME
Pagine: 400
Data di pubblicazione: 29 Marzo 2012
Prezzo: 7,70

Sinossi: Ecco a voi i Plank, una delle famiglie della comunità Amish di Painters Mill, Ohio. Ecco a voi madre, padre, cinque figli: loro la vita è una litania di giorni tutti uguali, il lavoro nei campi, i riti che ne sostanziano la fede, le tradizioni della confraternita cui appartengono da sempre. Poi, nel corso di una notte, il loro piccolo paradiso va in frantumi. Qualcuno penetra all’interno della fattoria ed è un massacro, uccisi i genitori, lungamente torturate e uccise le ragazze, Mary e Annie, uccisi i bambini. Solo il buio chiude il sipario sui passi silenziosi dell’assassino: alle sue spalle, un lago di sangue. Kate Burkholder, capo della polizia della contea, viene chiamata a dirigere le indagini. Ma non ci sono indiziati, nessuna traccia, nessun movente che indichi una pista: il colpevole sembra venuto dal nulla, come un artiglio invisibile e crudele. Kate in passato è stata una Amish, sa che non possono esserci ombre nella vita delle vittime: eppure, nella vita di Mary Plank qualcosa di oscuro inizia ad emergere, il peso di un segreto che a poco a poco si tinge di orrore…

Dopo "Costretta al silenzio", il grande ritorno di Linda Castillo con il secondo volume della serie bestseller che l’ha imposta come una delle voci più autorevoli del crime internazionale.


Dicono di questo libro:

“Questo nuovo, agghiacciante thriller dell’autrice di Costretta al silenzio riporta alla mente le atmosfere e le ombre di A sangue freddo di Truman Capote.” People

“Un’ulteriore prova della maestria di Linda Castillo, che conquisterà i più raffinati lettori di crime.” Library Journal

“Pochi autori sono in grado di descrivere la violenza con altrettanta verosimiglianza.” Publishers Weekly

“Il secondo libro della serie della Castillo, forte di un contesto originalissimo e di personaggi di grande spessore, vede il capo della polizia Kate Burkholder nuovamente costretta a fronteggiare il male assoluto.” Booklist


L'AUTRICE:

Linda Castillo è una delle più note autrici statunitensi di thriller. Tradotti in quattordici paesi, i suoi romanzi sono stati insigniti di numerosi premi, tra i quali il Daphne du Maurier Award of Excellence e l’Holt Medallion; l’autrice è stata inoltre finalista al prestigioso Rita Award per il miglior esordio. "La lunga notte" è il secondo volume della serie dedicata a Kate Burkholder, inaugurata con "Costretta al silenzio" (Fanucci Editore, 2010).
Linda Castillo vive con il marito in Texas.

«C’è molto di me in Kate Burkholder. E quello che di lei mi piace di più è il suo essere una donna piena di difetti. Una che rompe le regole. Che commette degli errori. E che, a volte, si comporta tutt’altro che beneLinda Castillo